Biografia
Ketra, in arte Elena Pizzato, nasce a Bassano del Grappa (VI) nel 1979. Diplomata all’Accademia di Belle Arti di Venezia con lode, inizia la sua ricerca dal corpo, sperimentando molteplici materiali, dal silicone alla gomma, dal latex al pvc. Durante una residenza artistica in Olanda perfeziona la sua ricerca in relazione ai concetti di seduzione, costrizione ed estetica inorganica. Il risultato sono opere che spaziano dall’estroflessione alla scultura, fino all’installazione e al video: Bambole spogliate delle loro rassicuranti crinoline e rivestite di latex, specchi che alludono a segreti inconfessabili più che alla matrigna di Biancaneve, tirapugni trasformati in dondolini, corsetti imprigionati in quadri di pvc, presine all’uncinetto realizzate dalla nonna 95enne con scritte provocanti. Vi è la sovversione dell’ordine, il gusto punk della provocazione e l’estetica figlia (anche) della Londra anni 80 nei lavori di Ketra. Ha realizzato mostre personali e collettive in Italia e all’estero, esponendo al MAM di Mantova, alla Fortezza Vecchia di Livorno, a Casa del Mantegna di Mantova e alla “15. Biennale di Architettura di Venezia” con la mostra collaterale “Without Land” all’isola di San Servolo. Premi: seconda classificata al RezArte Premio Tricolore, sezione scultura (2014), finalista al Mantegna Cercasi, sezione fotografia (2014), al Premio Combat, sezione scultura (2015) e vincitrice del Nice Prize alla fiera d’arte Paratissima (2018).

Opera in concorso

2016
Specchiera antica datata metà Novecento, restaurata e verniciata, borchie coniche acciaio
100 cm x 95 cm
x 4 cm