CHRONOS#2

Edizione: 
2019
Larghezza: 
150
Altezza: 
100
Anno Opera: 
2019
Tecnica
acrilico su tela
Descrizione
Nel corso del XX secolo viene meno il concetto di tempo inteso come grandezza oggettiva, attuando una distinzione fra tempo della scienza e tempo della vita. Il tempo reale è quello profondo della coscienza, dotata di memoria e, quindi, in grado di organizzare passato e presente. Gli stati di coscienza non si dispongono su di un piano spaziale, si confondono e si compenetrano creando una «durata interiore». La memoria dà senso al tempo, in quanto sa collegare il «prima» e il «poi» e farli confluire nell’«ora», producendo un flusso continuo di pensiero. Ogni linea, da entità geometrica fondamentale si carica di un nuovo significato interpretando ognuna il proprio percorso alla ricerca di una nuova identità. Il fluire della coscienza, indipendentemente dal tempo fenomenico e cronologico, accosta, sovrappone, aggroviglia sensazioni e frammenti di esperienza, in un movimento imprevedibile e perennemente cangiante.