Dogane ideologiche

Edizione: 
2018
Larghezza: 
60
Altezza: 
60
Anno Opera: 
2018
Tecnica
Fotografia analogica digitalizzata su carta
Descrizione
Il quartiere popolare, le voci delle persone, la mia casa, la periferia, dogana di transizione tra esperienza passata, azione presente e pensiero futuro. I palazzi fatiscenti, la mia gente, ma allo stesso tempo la libertà della natura; i monti incorniciati baciati dal sole, l’esecuzione di un viaggio/concetto che si evolve in una preziosa opera d’arte vitale. Il mio lavoro risulta essere una riflessione sul fenomeno della migrazione mentale e corporale dell’individuo. Il primo approccio psicologico sulla formazione di una libertà individuale che contempla l’evoluzione dell’Io durante il suo percorso nel ciclo vitale.