Lo scrittoio

Edizione: 
2019
Larghezza: 
150
Altezza: 
150
Profondità: 
300
Anno Opera: 
2019
Tecnica
oggetti di recupero garzati con garza medica tinta col caffè, fotografia d’epoca cucita, sfera e campana di vetro, libro e mappamondo anch’essi di recupero
Descrizione
L’installazione LO SCRITTOIO vuol essere una riflessione sulla condizione di solitudine della creazione artistica ma anche un momento di studio che viene interrotto dal potere dell'immaginazione e ci catapulta in un tempo passato ma contemporaneo nelle sensazioni! La Solitudine è una condizione solenne e necessaria non solo all’artista ma anche al pensatore o al filosofo. Sul tavolo vi sono elementi che riconducono a queste figure ossia un libro e una campana di vetro contenente una sfera; un mappamondo. Elementi che simboleggiano l’operare artistico e filosofico, spesso in bilico tra isolamento creativo e libertà di espressione, di pensiero e confronto con l’altro. Dalle pagine del libro nasce una barchetta di carta pronta a salpare verso nuovi orizzonti.. dove il Viaggio vero è quello interiore più che il Viaggio di piacere!