P288(3)

Edizione: 
2019
Larghezza: 
70
Altezza: 
100
Anno Opera: 
2018
Tecnica
acrilico su tela
Descrizione
Si tratta di un dipinto che fa parte di una serie di opere realizzate a proposito della tematica degli asteroidi binari. P288 è il nome tecnico assegnato dalla NASA ad un asteroide binario che è sia un asteroide che una cometa. Si tratta di due pezzi di materia che viaggiano sempre alla stessa distanza l'uno dall'altro, in rotazione. Essi sono quindi diventati emblema del concetto baudeleriano del passante, nel breve incontro indefinito con ciò che può essere e che non è, tra le persone e di riflesso nelle particelle più piccole dell'universo. I colori utilizzati sono avorio e grigio di Payne, e le sfumature sono ottenute sovrapponendo vari strati di colore molto diluito, in modo da raggiungere un effetto di rarefazione. Lo scopo è quello di lasciar trasparire l’idea di un soggetto, o per meglio dire la relazione di più soggetti tra di loro dietro un velo che appaia da una parte sottilissimo e dall'altra che dia l’idea di una profondità non data dalla prospettiva o dalla profondità.