Rhythmus

Edizione: 
2018
Larghezza: 
100
Altezza: 
241
Profondità: 
217
Anno Opera: 
2018
Tecnica
Ferro e lamina specchiata
Descrizione
Successione, ordinata nel tempo, di forme in movimento di espansione alle numerose informazioni che provengono dall'esterno e successiva, essenziale fase di contrazione per elaborare il vissuto. Movimento pendolare, nella “gabbia invisibile” dell’essere umano, fonte di conoscenza e consapevolezza, necessaria al progresso individuale e collettivo concretizzato in una struttura aperta e dinamica, la cui spazialità scandisce il tempo. Creata attraverso lo studio del valore qualitativo del n°Uno, principio divino da cui tutto nasce, la forma evolve attraverso la divina proporzione nel rettangolo aureo, sintesi unificante della potenza generatrice della Natura. I quadrati alla base della struttura, unione aste mancanti, connettono l’esterno con l’interno, a testimoniare la costante apertura verso l’agire, così come la superficie riflettente, rimandando la figura dell’osservatore, rende universale l’esperienza della visione interiore nel processo di osservazione e comprensione della realtà.